SEZIONI NOTIZIE

Marcolini: "Siamo un cantiere aperto, Serie B piena di insidie"

di Paolo Lora Lamia
Fonte: chievoverona.it
Vedi letture
Foto

Dopo un’estate non facile, finalmente arriva la prima di campionato: per il Chievo e per Michele Marcolini, che la serie cadetta l’aveva solo sfiorata alla guida dell’Avellino. Il tecnico clivense è apparso emozionato e determinato oggi in conferenza stampa, a due giorni dalla trasferta di Perugia: “Un esordio voluto, cercato e ottenuto dopo sei anni di buona gavetta; il fatto che avvenga sulla panchina del Chievo mi dà ancora più soddisfazione. Speravo un giorno di tornare qui: magari più avanti, perché pensavo che il Chievo sarebbe rimasto sempre in Serie A e che avrei impiegato più anni a tornare. Invece, purtroppo per il Chievo è arrivata questa retrocessione e la società mi ha fatto il grande regalo di puntare su di me per la stagione che sta per iniziare. 

Su come sarà il suo Chievo: “Sono sempre riuscito a creare dei gruppi coesi che riuscissero a rendere anche nelle difficoltà: credo che questa sia la caratteristica più importante. A livello tattico mi piacciono le squadre aggressive, ma sempre con equilibrio. Non mi piace attaccare con costanza il portiere avversario ma neanche chiudermi ad oltranza”.

Sulla Serie B: “E’ un campionato che iene spesso snobbato, ma nasconde molte insidie. Mediamente le squadre hanno una buona qualità, oltre ad un dinamismo importante. Sappiamo che incontreremo squadre rognose e giocheremo in ambienti caldi. Questo campionato non sarà facile per nessuno”.

Sulle risposte che possono arrivare dalla sfida di Perugia: “Contro gli ombri si presenterà un Chievo con il cartello “lavori in corso”. Ci sono molti esordienti in categoria e altri giocatori che potevano prendere strade diverse sono rimasti: un po’ per merito loro e un po’ per esigenze del momento. Credo che manchino ancora diversi tasselli e stiamo lavorando in questo senso, ma dai giocatori che ci sono ho avuto risposte positive. In Coppa Italia contro il Cagliari siamo usciti a testa alta: abbiamo affrontato una squadra che lotterà per l’Europa anche se in molti pensavano che fosse un avversario di pari livello. Dobbiamo toglierci dalla testa che siamo una squadra di Serie A: ora siamo un Chievo diverso, che deve guadagnarsi sul campo il titolo di squadra che riesce più ad imporsi che a subire”.

Sulla mancanza di certezze per quanto riguarda la difesa: “E’ una situazione legata al mercato, inutile negarlo. Fortunatamente Cesar si è completamente ristabilito, quindi non siamo più così corti. Certamente ci mancano alcuni tasselli. Allarmato per il mercato? Io sono sereno e credo che questa situazione vada interpretata nel modo giusto. Sapevo che ci sarebbero state delle difficoltà, ma ho fiducia nella capacità della società di allestire una squadra competitiva. I giocatori che già ci sono dovranno sfruttare questo momento: più scopriamo elementi affidabili e meglio è”.

Se il suo Chievo arriva pronto all’inizio del campionato: “Dal punto di vista fisico saremo più brillanti rispetto alle precedenti uscite, come è normale che sia quando fai una preparazione estiva. In generale i giocatori che ci sono hanno dato buone risposte. Con i Cagliari c’erano tanti esordienti nella nostra squadra, che come primo impatto hanno trovato uno stadio pieno e una squadra che punterà a qualcosa in più della salvezza. Sotto 2-0 potevamo sbandare, invece i ragazzi sono rimasti brillanti fino alla fine. A Perugia mi aspetto ulteriori passi in avanti”.

Sui giovani arrivati in estate: “Stanno dando tutti buone risposte, sarebbe ingiusto citare solo alcuni nomi. E’ normale che qualcuno abbia avuto più possibilità di farsi vedere, ma contro il Perugia magari saranno altri a scendere in campo. Stanno affrontando ogni gara con la voglia di emergere: atteggiamento che deve caratterizzare anche i veterani, ma i giovani ancora di più”.

Altre notizie
Martedì 03 marzo 2020
16:45 Primo Piano Presentato Aglietti: "Ho voglia di rivalsa, con l'Ascoli invertiamo la rotta"
Domenica 01 marzo 2020
17:30 Primo Piano Ufficiale: esonerato Marcolini, Aglietti nuovo tecnico
Domenica 23 febbraio 2020
17:20 Primo Piano Garritano fa volare il Chievo: gialloblù vittoriosi sul campo del Pordenone
Lunedì 17 febbraio 2020
23:25 Primo Piano Giaccherini da urlo: il Chievo torna alla vittoria battendo 2-0 la Salernitana
Domenica 09 febbraio 2020
17:25 Primo Piano Non basta la magia di Meggiorini: a Pisa arriva l'ennesimo pareggio
Domenica 02 febbraio 2020
17:15 Primo Piano Apatia Chievo: cade tra le mura amiche contro il Venezia
Mercoledì 29 gennaio 2020
19:10 Calcio Mercato Ufficiale: preso Jonathan Morsay, arriva a titolo definitivo
Martedì 28 gennaio 2020
16:25 Primo Piano Ufficiale: Renzetti è un nuovo giocatore del Chievo
Venerdì 24 gennaio 2020
22:30 Primo Piano FINALE - Empoli-Chievo 1-1: Meggiorini risponde a Tutino
Sabato 18 gennaio 2020
20:15 Primo Piano Ceter-Meggiorini: vittoria last minute del Chievo contro il Perugia
Venerdì 17 gennaio 2020
19:30 Verso il match... Marcolini: "Sosta importante, valiamo più della nostra classifica"
Giovedì 16 gennaio 2020
09:00 Primo Piano Pellissier: "Vogliamo la Serie A, Marcolini oltre le aspettative"
Martedì 31 dicembre 2019
14:00 Editoriale 2019 nero per il Chievo: errori e delusioni in serie, arriverà il riscatto?
Giovedì 26 dicembre 2019
17:15 Primo Piano Vignato illude, il Benevento rimonta: il Chievo cade ancora al Bentegodi
Sabato 21 dicembre 2019
17:15 Primo Piano Vignato riprende il Cittadella: al Tombolato termina 1-1
Venerdì 20 dicembre 2019
14:52 In evidenza Marcolini: "Vogliamo il massimo da ogni gara, Cittadella realtà consolidata"
Venerdì 13 dicembre 2019
23:12 Primo Piano Buio nella ripresa: Chievo rimontato clamorosamente dalla Juve Stabia
Sabato 07 dicembre 2019
20:05 Primo Piano Siluro di Di Noia: il Chievo vince di misura contro la Cremonese
Lunedì 02 dicembre 2019
16:30 Editoriale Impreciso, frettoloso, molle: il Chievo visto a Trapani non farà molta strada
Lunedì 25 novembre 2019
23:15 Primo Piano Parola alla difesa: Vaisanen e Dickmann piegano la Virtus Entella