Cesar: "Con Di Carlo più compatti e aggressivi. Juve? Serve la gara perfetta"

di Paolo Lora Lamia
Fonte: chievoverona.it
Vedi letture
Foto

Il Chievo riparte dalle sue certezze, acquisite grazie alla cura Di Carlo. Una squadra combattiva e difficile da battere: caratteristiche impersonificate alla perfezione da Bostjan Cesar. Leader in campo come nello spogliatoio, lo sloveno - intervistato da ChievoTV - sottolinea la grande importanza avuta dal mister in questa rinascita clivense: “Ha cambiato la nostra testa, riportando ciò che è mancato negli ultimi cinque mesi. Con lui siamo diventati più squadra e più aggressivi. Ha messo certe regole, che già c’erano nelle stagioni passate”.

Cambio di rotta che ha portato punti e, finalmente, il primo successo in campionato: “Nell’ultima gara dell’anno è arrivata una vittoria, che aspettavamo da tanto tempo. Abbiamo ricominciato tutti felici, sappiamo che il mister vuole lavorare duro e lo seguiamo in questo”.

Chievo caratterizzato da grande unità d’intenti, che deve esserci in campo oltre che in allenamento: “Dobbiamo stare compatti: se attacchiamo - evidenzia Cesar - tutta la squadra deve essere alta, mentre in fase di non possesso dobbiamo difendere a partire dagli attaccanti. Dobbiamo stare sul campo concentrati e aggressivi. Quando recuperiamo palla, dobbiamo rifornire il più velocemente possibile i nostri attaccanti che sono forti. Lo hanno dimostrati facendo diversi gol nelle ultime gare: dare loro tanti palloni è fondamentale”.

Atteggiamento tattico che sarà fondamentale alla ripresa del campionato, quando il Chievo andrà a far visita alla Juventus schiacciasassi. Cesar, però, non si fa prendere dal panico vista la forza dell’avversario: “Dobbiamo pensare a noi stessi, lavorando in queste due settimane per preparare la partita molto bene. La Juve ha grandissimi giocatori ma - conclude lo sloveno -, con grande fiducia e concentrazione per 95 minuti, possiamo ottenere un risultato importante”.


Altre notizie
Giovedì 23 Maggio