I precedenti, stagione 2014/2015: Parma-Chievo 0-1

di Paolo Lora Lamia
articolo letto 179 volte
Foto

Il Parma per avvicinarsi ulteriormente ad una comoda salvezza, il Chievo dare una svolta alla sua stagione. Emiliani e veneti arriveranno con questi sentimenti alla sfida in programma al Tardini domenica pomeriggio. Un match a cui le due squadre, qualche anno fa, erano arrivate con sentimenti diametralmente opposti rispetto a quelli attuali. Era il 2015: il Chievo di Rolando Maran si stava riprendendo dopo un inizio difficile, il Parma di Roberto Donadoni stava attraversando il momento più delicato della sua storia tra problemi societari e di classifica.

Partita quindi da dentro o fuori per entrambe le formazioni, giocata eccezionalmente di mercoledì per via della nevicata che colpì Parma qualche giorno prima. Nonostante tutte le difficoltà, la formazione parmense scese in campo con orgoglio, creando subito qualche grattacapo a Bizzarri. Il Chievo, dal canto suo, mise in campo le caratteristiche portate da Maran in quella stagione: grande organizzazione difensiva e aggressività in ogni zona del campo. Ai crociati sarebbe servito un episodio fortunato per capitalizzare la loro leggera supremazia e invece, nel giro di pochi minuti, rimasero in dieci per i due gialli ravvicinati rimediati da Galloppa. Il primo tempo si concluse sullo 0-0: un risultato non troppo positivo per entrambe le contendenti. Serviva una miccia per accendere la gara, magari un calcio piazzato. Ciò avvenne nel corso della ripresa: fu il Chievo a passare in vantaggio, con una magistrale punizione di Ervin Zukanovic che si insaccò alla sinistra di Mirante. Una rete che fiaccò le speranze parmigiane, dando ulteriore slancio ai veneti che infatti sfiorarono il raddoppio in più circostanze nei minuti successivi.

Vittoria fondamentale per la squadra di Maran, ottenuta in una gara giocata con grinta, cinismo e capacità di soffrire. Con quei tre punti i clivensi presero coraggio e si involarono verso la salvezza, vincendo domenica la formazione di Di Carlo può finalmente far coincidere il ritrovato spirito Chievo con un risultato pieno.


Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy